venerdì 18 luglio 2014

AEREI

Aerei

Aerei sorvolano
Il mio cielo d’estate
Portano gente lontano
Gente che evade
Gente che fugge
Portano acqua
Per spegnere i boschi.
Io non fuggo
Io non volo
Il mio volo si è fermato
Qui
Sulle colline che un tempo
Erano verdi e che
Adesso
Portano i resti
Del grano tagliato
E si colorano del giallo vivo
Del sole che hanno bevuto.
Amo questa calura che salva
Amo le mie colline che si accavallano
Come gobbe di chilometrici cammelli
In un deserto che odora di stoppie
In questa quiete assolata.
Il sole e la quiete
Della mia isola

Piena di Storia.

mercoledì 2 luglio 2014

CARI AMICI, RITORNO CON UN RACCONTO

Questo racconto è assolutamente autobiografico:

  IL GESSO

Le giornate scorrevano lente e inesorabili, scandite dalla pioggia che a tratti diventava più intensa, battendo sui vetri e disegnando gocce che scivolavano lentamente come lacrime di una tristezza inespressa.
Miriam, distesa sulla sdraio con le gambe appoggiate su una sedia impagliata protetta da un cuscino variopinto, osservava attentamente le unghie delle uniche due dita dei piedi che le erano rimaste fuori da quell’ingessatura ormai diventata un fardello difficile da sopportare. Erano di un colore bluastro striate a tratti da venature grigiastre.
Che disdetta! Quando qualche amica decideva di venirle a fare un po’ di compagnia, si soffermava a guardare proprio quelle, quasi fossero le uniche parti del corpo degne di essere osservate e che, comunque, attiravano subito l’attenzione di chi cercava di indovinare la frattura che si trovava  all’interno di quell’involucro che prima era bianco e che ora si ingrigiva e si macchiava per la polvere che vi si accumulava e le tracce dei pochi movimenti che quel fagotto le consentiva di compiere .
Così decise di tingerle. Almeno da quell’involucro informe sarebbe uscito fuori un colore rosso brillante che ravvivava il tutto e attenuava la tristezza di quell’avvilente spettacolo.
Miram aveva una vera e propria ambizione per l’estetica, ed era sempre capace di trasformare una realtà banale in un contesto interessante e attraente.
Aveva progettato la sua casa personalmente, non facendosi mai guidare da persone competenti ed esperte nel settore dell’edilizia e dell’arredamento, e in ogni ambiente traspariva la sua personalità: eclettica, artistica, originale e accattivante.
La sua casa era accogliente e in più incuriosiva i visitatori per l’insolita disposizione degli ambienti: un po’ classica , ma sempre con qualche curiosa sorpresa.
Non aveva mai badato alle mode, e per questo la sua casa assumeva un fascino senza tempo mantenendo comunque sempre una certa attualità. E dire che vi abitava da più di trent’anni!

Ora, quella casa così accogliente, così sua, era diventata per lei una prigione: non c’era l’ascensore e, per uscire , avrebbe dovuto scendere due piani di scale con una gamba sola, una cosa decisamente impossibile, alla sua età.
Così cominciò a rovistare tutti gli scaffali e le librerie che aveva sparse per la casa,( non aveva una vera e propria biblioteca!), alla ricerca di qualche libro non ancora letto che la potesse interessare e che riempisse le sue giornate così vuote. Lesse la “Storia d’Italia” di Indro Montanelli., “L’Isola senza ponte” di Matteo Collura , e altri saggi. Non le piacevano molto i romanzi, perché non sempre riusciva ad identificarsi con una realtà completamente diversa dalla sua, però apprezzò molto “Non ti muovere”, di Margaret Mazzantini.

Erano trascorsi ormai dieci giorni di quella forzata clausura. La donna che veniva ad aiutarla la mattina, una rumena dai ricci capelli color malva e dalla corporatura minuta, aveva “fatto le valigie”, così Miriam dovette arrangiarsi a fare anche qualche faccenda, come poteva, e , per muoversi meglio in casa, si aiutò con una sedia a rotelle.
All’ora di pranzo, veniva il marito a farle un po’ di compagnia e i figli, ormai grandi e impegnati col lavoro, venivano a salutarla frettolosamente, giusto il tempo di un abbraccio, di un “come stai?”.

Col tempo la solitudine cominciò a farsi pesante: ella non era abituata a trascorrere tutto questo tempo in casa da sola: lavorava, e quindi tutte le mattine usciva di casa, incontrava persone con cui scambiare un saluto, qualche parola, un sorriso. Così, una sera, decise di provare l’esperienza di internet, alla ricerca di qualcuno con cui chiacchierare per illudersi di non essere sola, di avere un po’ di compagnia, e lanciò un appello attraverso il blog: “ sono ingessata, aiutatemi!”. In tanti le risposero, si offrivano di farla chiacchierare in chat, ma Miriam provava un po’ di timore: la spaventava quella realtà virtuale, temeva che le sue parole fossero captate dal resto del mondo e questo pensiero le creava una sensazione di sgomento e di angoscia. La spaventava soprattutto l’idea di scoprirsi, di denudare la sua anima davanti al mondo. Poi si fece coraggio: “Cerco persone con interessi culturali “
“ Eccomi pronta, a tua disposizione”, le rispose Giorgia. Ma gli argomenti, di lì a poco , si esaurirono: lei parlava solo delle sue esperienze scolastiche, mentre Miriam aveva lasciato la scuola già da un paio d’anni e non voleva più sentirne parlare.
 Conobbe Marco, che scriveva aneddoti in latino. Le piaceva il latino, le piaceva scoprire la semplicità e la verità senza tempo di quelle sentenze, di quegli aneddoti ma, dopo un po’, si stancò anche di quelli. Così, girovagando in quella società virtuale incontrò Giuseppe, professore universitario che andava discorrendo di filosofia politica e la cosa la interessò al punto che riuscì a intavolare una discussione di un certo interesse per entrambi. Ma ben presto si accorse che le idee non collimavano, i punti di vista erano diversi, le soluzioni ai problemi proposti, diverse anch’esse: così anche quel rapporto virtuale si esaurì nel breve tempo di un paio di settimane.

Intanto, alla visita di controllo, l’ortopedico le disse che poteva incominciare a poggiare il piede per terra e quindi fare qualche passo abbandonando l’odiata stampella. Avrebbe potuto anche uscire, ma si vergognava a farsi vedere in quelle condizioni: viveva in un paesino molto piccolo, dove tutti si conoscevano e , ad ogni passo, ogni persona che l’avesse incontrata le avrebbe chiesto cosa fosse successo, e a lei non andava proprio di parlarne; avrebbe voluto dimenticare al più presto quella triste esperienza. Cosi, dopo aver adempiuto con fatica alle poche faccende domestiche indispensabili, si sedeva al computer: ormai ne era diventata dipendente, Internet è una realtà che affascina: vi puoi trovare di tutto e quindi andò su Google a cercare tutte le notizie che le venivano in mente riuscendo così a soddisfare rapidamente le sue numerose curiosità.

Ma era soprattutto la compagnia che le mancava: non serve a niente sapere tante cose se non hai qualcuno a cui comunicarle, qualcuno con cui confrontarti.
Trovò Antonio, filosofo mancato, che sfogava le sue ansie filosofiche sul blog. Quindi provò a cimentarsi con la filosofia, un campo quasi inesplorato per lei, che l’affascinava e la incuriosiva, anche se sapeva che, con quei discorsi non avrebbe “cavato un ragno dal buco”, ma tant’è, fare ogni tanto delle elucubrazioni mentali ti diverte, ti da’ un senso di gratificazione: in fondo l’uomo è un animale razionale e mettere in movimento il cervello, quest’organo complesso di cui ci ha fornito madre Natura,  è un’attività estremamente gratificante, come andare in palestra , per chi ci può andare!

Ma gli amici, gli amici, quelli veri, quelli che ti conoscono e che possono guardarti in faccia, dove sono? In fondo questi amici virtuali sono degli sconosciuti incontrati per caso, con cui forse non ti incontrerai mai veramente, de visu. Stava per perdere il contatto con la realtà.

Intanto erano passati i quaranta giorni fatidici e il gesso andava tolto: che gioia poter finalmente camminare, correre, uscire, libera, finalmente.
Si recò all’ospedale  chiacchierando festosamente col marito che l’accompagnava in macchina.
 Nell’androne antistante il reparto, tanta gente : chi attendeva di essere visitato, chi si trovava quasi nelle sue stesse condizioni. Un bambino, che doveva anch’egli togliere il gesso, aspettava quel momento con ansia, pregustando la partita di pallone che lo attendeva nel pomeriggio. Ma, ahimè, quando usci finalmente libero da quell’ingombro e scalzo, non potè nemmeno poggiare il piede per terra e , ad ogni tentativo, usciva fuori un grido di dolore insopprimibile. Pianse il bambino, la delusione era grande. La madre lo consolava dicendo: “vedrai che andrà sempre meglio”, ma, intanto, l’agognata partita di pallone era ormai diventata solo un sogno svanito nel nulla.

“Toccherà la stessa sorte anche a me?” cominciava preoccuparsi Miriam. Ebbene sì, la libertà sperata non ci fu: un dolore intenso, forse più intenso di quello percepito durante la caduta, si impadronì di lei, facendole perdere ogni speranza di poter riprendere la vita normale per chissà quanto tempo.

Così tornò a casa disfatta. Pensava che ancora per molto sarebbe dovuta restare in quella prigione.
Il marito la consolava dicendo:” adesso faremo un po’ di fisioterapia e presto il dolore passerà”.

Per fortuna c’era Internet.

“Stasera mi voglio confrontare col mondo di Facebook”- pensò.
Dovette però scrivere il suo vero nome ,stavolta, perché avrebbe dovuto relazionarsi con persone che la conoscevano e non poteva rischiare che gli altri, se avesse usato uno dei tanti nikname che usava per chattare, non l’avrebbero accettata come amica.
“Che bello! Non ci sono avatar! Posso esprimere me stessa per quello che veramente sono, posso chiacchierare come se fossi in una piazza virtuale!”

Subito cercò le persone che conosceva: amici di vecchia data, compagni di scuola, ma , ahimè, non ne trovò nessuno.
Qualche ex alunno accettò la sua amicizia. “Certo”- pensò- “facebook è un mondo di ragazzi, che ci faccio io alla mia età? Epperò decise di non arrendersi, di continuare quell’ avventura telematica e, a poco a poco, trovò anche qualche amico più anzianotto.
Amico! Dire amico, su facebook è una parola un po’ impropria, un po’ eccessiva. L’amicizia vera è un’altra cosa: è un sentimento che ti lega ad un’altra persona con cui hai degli interessi comuni, ed è basata sull’altruismo. Ma su fb no, non sono amici, solo conoscenti, con cui ti passi il tempo la sera ragionando del più e del meno. Più del meno che del più. Però è bello vedere quelle immagini che scorrono, qualche fotografia di persone lontane che non vedi da tanto tempo e, soprattutto, l’illusione di non essere soli e la comodità di non dover uscire di casa per incontrare qualcuno.

Ormai il dolore era passato e Miriam potè riprendere la sua vita normale. Così si allontanò da fb; vi andava di tanto in tanto la sera , chissà vi avesse trovato qualche sorpresa, qualche interessante novità.
Un giorno, una richiesta di amicizia inconsueta la lasciò perplessa: dalla foto, un uomo di mezza età ormai incanutito, le sembrava di conoscerlo, ma non ricordava dove l’avesse visto, cosi gli inviò un messaggio e gli domandò :” Dove ci siamo conosciuti?”

“Ci siamo conosciuti a un matrimonio, quarantasette anni fa, prova ad andare indietro con la memoria, fino alla tua adolescenza ,e ti ricorderai di me”. Intanto le mandò una sua foto dell’epoca, e Miriam subito si ricordò.
Ricordò che avevano ballato per due ore e che,alla fine, lui le aveva chiesto di incontrarla qualche altra volta, ma lei gli rispose con una canzone nel jouke box :”Non ho l’età, non ho l’età per amarti, non ho l’età…”. Aveva solo tredici anni!
“Vorrei sentire la tua voce. Chiamami, se ti va”
Miriam ci pensò e ripensò, alla fine si disse: ”Lo chiamo, è sempre un pezzo della mia vita che ritorna inaspettatamente alla memoria”. E così fece.
“Pronto…”
“Sono Miriam”
“Non ci credo!”
“Ma si, sono proprio io!”
Si parlarono
“Cos’hai fatto negli ultimi quarantasette anni?”- le chiese.
“Come faccio a risponderti nello spazio di una telefonata?”
“Era solo una domanda provocatoria per vedere la tua capacità di sintesi”-le rispose.
“Mi viene difficile pensare che sei già in pensione!”
“E tu che fai?”
“Sono medico” le disse”non sono più il ragazzo diciassettenne di allora, ma adesso sono migliorato”
“Be’, a presto, ciao”
“Ciao”
Quella voce al telefono le sembrò la stessa che credeva di aver udito quando lei aveva solo tredici anni. Fece un salto nel tempo e si ritrovò poco più che bambina quando, ancora inesperta della vita e di ciò che l’attendeva, si accingeva a varcare la soglia del collegio per la prima esperienza di scuola superiore. Ricordò le ansie, le preoccupazioni, le attese. I primi innamoramenti, i primi turbamenti.
Una parte della sua vita che lei aveva volutamente cancellato dalla sua mente, tutta proiettata al presente e con ancora tanti progetti per il futuro, ritornò prepotentemente alla sua memoria ,quasi a farle compiere un viaggio nel passato, facendole rivivere le esperienze e le sensazioni di allora.

Si ricordò del collegio, dei vasti ambienti bui e freddi che una stufa a legna non era in grado di scaldare. Si ricordò delle monache che ogni mattina, con la loro tonaca nera dall’ampio colletto bianco, l’accompagnavano a scuola. Si ricordò delle compagne, dell’allegria e dell’ingenuità, dei primi amori, delle uscite furtive per respirare quel po’ di quella libertà di cui sentiva il bisogno. Si ricordò delle messe a cui arrivava sempre in ritardo, dei canti e delle contestazioni sul cibo sempre scadente.
Si ricordò della madre e del padre che,  ogni settimana, andavano a trovarla, portandole ogni genere di leccornìa ,che lei divideva con le  compagne ,divorando avidamente quelle prelibatezze che in quel luogo le venivano negate. Si ricordò dei libri, del poco sonno, delle nottate prima dell’interrogazione, degli scherzi alle suore; e all’improvviso si sentì bambina, come allora, con la voglia di vivere che aveva dentro.


lunedì 7 ottobre 2013

IL NOBEL PER LA PACE AI MIGRANTI

Una società che mette l'eguaglianza davanti alla libertà non avrà né l'una né l'altra. Una società che mette la libertà davanti all'uguaglianza avrà un buon livello di entrambe. (Milton Friedman, Premio Nobel per l'economia del 1976).
Qual è stata la motivazione per Barack Obama: “Per i suoi straordinari sforzi per rafforzare la diplomazia internazionale e cooperazione tra i popoli”.
E quella per l’Unione Europea, premio ritirato da Van Rompuy, Barroso e Schulz: “Per oltre sei decenni ha contribuito all'avanzamento della pace e della riconciliazione della democrazia e dei diritti umani in Europa”.

Non ultima la dichiarazione di Angelino Alfano, che propone il Nobel per la Pace all’isola di Lampedusa, motivandola così: “Le cose da fare sono due in Europa e una in Africa. Dall'Italia faremo sentire fortissima la nostra voce in Europa per modificare l'accordo di Dublino, che carica troppo i paesi di ingresso […]. Si deve puntare su un sistema di protezione delle frontiere, questo mare non segna il confine tra l'Africa e Lampedusa, ma tra l'Africa e l'Europa, la protezione deve essere europea. Infine si devono fermare i trafficanti di morte con un'azione internazionale ed europea”.
Solo fumo campato in aria, tratteggiato da chi in effetti aveva necessità di dire qualcosa di concreto di fronte a questa ennessima mattanza di esseri umani. E magari chissà, con un po’ di aiutini ipocriti dall’Ue, per mettersi a posto con le proprie coscienze, riusciranno a premiare l’Isola.

Ora la proposta di assegnare a Lampedusa il premio Nobel per la Pace, a prescindere da Alfano, è sacrosanta e legittima. Ma non basta. È una scorciatoia per non definire niente. Occorre andare oltre per fermare i massacri di esseri umani inermi e innocenti. Occorre ideare, supportare e spingere per un NOBEL PER LA PACE AI MIGRANTI DI TUTTO IL MONDO, in vita e in morte, per poter dare il meglio dell’alito umano al concetto di Libertà e di Uguaglianza di Uomini, Donne, Bambini, davanti alle nostre coscienze. Questo premio ai Migranti, che in sé è solo un atto simbolico, deve essere il motore che spinge i Padroni del Pianeta a commutare le proprie azioni di Guerra, in una vera Pace. Solo se viene ristabilito il principio di non ingerenza dei Paesi Potenti e Ricchi sui Paesi Deboli e Poveri. Solo se chi ha voce, tra i Potenti Capi delle Religioni di massa, non dica una volta per tutte perché i Paesi Potenti e Ricchi impongano con le armi, i loro presunti diritti d’importare democrazia alle popolazioni di questi Paesi, costringendoli ad emigrare, verso l’Occidente, chimera ricca nelle Loro speranze, ma carceri impossibili e antiumani nella realtà.

Credo sia vitale vedere in questa proposta l’idea stessa di trasformare il Migrante come oggetto oscuro e ignoto in Essere Umano, il cui diritto Primo e Ultimo è vivere nella propria terra natìa, ciascuno secondo le proprie necessità, i desideri e la felicità. Per fare ciò occorrono tutti quei passaggi di cui sopra. E anche se Lampedusa dovesse essere premiata con il Nobel, lo si faccia insieme a quest’altro, con il Nobel per la Pace ai Migranti.

Il Nobel per la Pace ai Migranti, ha come fine primario e ultimo la cessazione di ogni ostilità, mascherata da umanitarismo ipocrita e sleale, in special modo dei Paesi che li accolgono, nei confronti dei Migranti stessi, ostilità di cui finiscono sempre per pagarne le conseguenze con la perdita delle proprie vite e con la perdita tragica della Libertà.

Questo il link del gruppo PREMIO NOBEL PER LA PACE AI MIGRANTI su Facebook: https://www.facebook.com/groups/643469732341388/

mercoledì 23 maggio 2012

IL SUCCESSO DI GRILLO AIUTA MONTI?

Venivano definiti come l’armata brancaleone,  eppure passo dopo passo sono avanzati fino al ruolo di Sindaco. Il successo dei grillini è dovuto senza dubbio alla crisi economica e al malcontento verso le Istituzioni che avanza tra i cittadini, ma c’è un aspetto che viene sottovalutato. I partiti politici italiani,  continuano ingenuamente a definire Grillo e suoi compagni come l’antipolitica, un errore da cui nessuno si è sottratto.   Il movimento di Grillo non è l’antipolitica, ma è politica allo stato puro. La politica è l’Arte di governare le società, la capacità di guidare le masse verso un obiettivo, uno scopo comune in grado di fare credere ai propri militanti, che le proprie necessità  verranno sostenute. Dal predetto significato in che cosa si differisce il movimento messo su da Grillo se non in niente.  I partiti politici, continuando a tacciare Grillo di antipolitica non  fanno altro che invogliare i cittadini stanchi dello Stato a votarlo, perché si illudono di avere trovato un qualcosa di diverso da un comune partito politico. 

 L'impressione e' che, come nel 1993, stia cambiando la fase politica egli elettori siano alla ricerca di offerte nuove, con Grillo che staprendendo il posto che occupo' allora la Lega, trasformando il movimentoin un contenitore per le proteste piu' diverse e dragando voti a destra e

a sinistra. Mentre il Pd, come il Pds di allora, non cresce ma ha la
possibilita' di vincere per abbandono del campo dell'avversario. Resta
scoperto il voto moderato, che sta abbandonando il Pdl. Quell'elettorato
in fuga, pero', non si sposta verso il Terzo Polo.

In questo stallo, i partiti prendono tempo e ciò probabilmente aiuta Monti ad arrivare fino alla fine della legislatura.


 

martedì 22 maggio 2012

RICOMINCIO DA QUI

Cari amici,
Riprendo a scrivere su questo blog dopo un periodo di crisi.
Spero che vogliate continuare a leggermi.
Oggi voglio parlarvi della vittoria di Beppe Grillo alle elezioni di Parma.
Secondo me si tratta di un segnale positivo di cambiamento: la gente è stanca della solita politica volta al mantenimento delle posizioni acquisite. Ricordiamo che gli attuali parlamentari occupano posti di potere da anni: urge un ricambio, che poi si chiami Grillo o qualcun altro poco importa; l'importante è che ci sia la volontà di fare potitica davvero, lasciando da parte i compromessi, nell'interesse dei cittadini e della Nazione.
Sono anche contenta della vittoria di Orlando a Palermo. Spero che, nonostante l'età, non abbia abbandonato lo spirito battagliero della gioventù e la voglia di cambiamento e di legalità che permeava il suo operato di alcuni anni fa.
Vi saluto caramente. Io riprenderò a leggervi.

giovedì 22 settembre 2011

ANCORA SULLA PARITA' UOMO DONNA

In questo blog sono molti i post che parlano della donna, in particolare ho affrontato negli anni precedenti una vera e propria storia della condizione femminile dall'epoca romana ad oggi.

Adesso però, ascoltando commenti in tv o discutendo con le mie amiche, con i miei figli e con il marito, emergono dei fattori nuovi che vorrei sottoporre all'attenzione di voi lettori:

la donna e l'uomo presentano diversità biologiche evidenti che è impossibile ignorare, basti pensare al fatto che la donna partorisce i figli e l'uomo no: già questa sola differenza è determinante per far si che una vera e propria parità, così com'era intesa dal vecchio femminismo, è impossibile da attuare: la donna ha necessariamente dei tempi che non puo' sottrarre alla cura della prole per dedicarsi esclusivamente alla carriera , a meno di snaturare un rapporto che la Natura ha voluto così impostato, si pensi al periodo dell'allattamento.

Si, è vero, adesso ci sono degli escamotages che consentono alla donna di esimersi dall'affrontare questo delicato periodo che le spetta nella cura dei figli, demandandolo ,quando è possibile, al padre e consentendo un ribaltamento dei ruoli che, benchè oggi sia visto come una conquista da parte femminile, ha ben poco a che fare con la vera essenza della natura umana.

Ascoltavo qualche giorno fa in televisione ( e non ditemi che la televisione è sempre un male, bisogna sapersi scegliere i programmi da guardare e seguirli con spirito critico) l'esperienza di una donna che, per motivi di lavoro, era costretta a vivere in famiglia solo una settimana al mese, demandando la cura delle figlie, che peraltro avevano un'età, quella adolescenziale, in cui il modello materno è imprescindibile, al padre.

Più che di parità in senso assoluto, io parlerei di pari dignità, pur nella differenziazione dei ruoli.

Aspetto commenti per approfondire l'argomento.

lunedì 18 luglio 2011

L'USO DI INTERNET CONTRIBUISCE A SVILUPPARE L'EMPATIA?

Vorrei riproporre questo mio post del 28 maggio 2010 perchè penso che i contenuti di questa recensione siano ancora attuali e perchè un dibattito su questi argomenti credo sia ancora proficuo, specialmente in un periodo come questo di grande crisi, non solo economica, ma epocale, che rappresenta un momento di passaggio tra una vecchia e una nuova era.