mercoledì 9 dicembre 2009

INTELLIGENTI SI NASCE O SI DIVENTA?

Secondo me, che ho seguito tre figli e i bambini della scuola, la risposta giusta è la seconda.

Però vorrei sentire il parere di qualcun altro perchè la questione a tutt'oggi è controversa.

8 commenti:

Anonimo ha detto...

si diventa... qualche volta
buon fine settimana!

mirco

Miriam ha detto...

Lo si diventa nel tempo...costruendo giorno dopo giorno nuovi ponti per arrivare ad altre connessioni più elaborate, mattoncino su mattoncino, con tanto impegno e allenamento, con umiltà e una immensa voglia d'imparare cose nuove, con la consapevolezza che abbiamo anche tanti limiti!
Un caro abbraccio per un buon fine settimana!

Licia Titania ha detto...

Scusa la risposta banale: si nasce e si diventa. Se l'intelligenza non è coltivata può restare una qualità solo teorica...d'altronde, però, il sangue dalle rape...
Battutacce a parte, credo che l'intelligenza brillante venga comunque fuori, prima o poi. Ma per un individuo "di intelligenza media" è essenziale trovare le occasioni, fare gli incontri, leggere i libri giusti per aprirne la mente.

Mister_NixOS *nix ha detto...

Non ho allevato figli, ma ho sempre pensato che lo stimolo sia fondamentale, per quanto la genetica giochi certamente un ruolo fondamentale.
Per esempio so che il Q.I. può variare nel tempo, anche negli adulti, a seconda degli stimoli ricevuti.
Ciao
Mister_NixOS

Maffy63 ha detto...

Ciao,il tuo post mi colpisce...Secondo me dobbiamo chiarirci il concetto intelligenza.
Secondo studiosi ed esperti,si è intelligenti quando si riesce a trovare sempre la miglior strategia per soppravvivere...dunque si nasce già con delle caratteristiche innate che ci spingono verso la vita...il resto è "vanità".Maffy63

Maga di Endor ha detto...

Ciao, secondo me, si nasce intelligenti, ma si rischia di perdere l'intelligenza se quest'ultima non viene ravvivata, come una fiamma.

Fuma ha detto...

una di quelle domande che mi piacciono! secondo me, ci sono vari tipi di intelligenza. ci sono bambini cerebrolesi che hanno un'intelligenza emotiva superiore a individui di normale inteligenza.
(anch'io, come loro, sono totalmente sprovvista di intelligenza logico-matematica)
ciao

Alex ha detto...

Buongiorno, scusate l'intrusione, il mio nome Alessandro, credo che intelligenti si nasca, chi più chi meno, il resto si costruisce con l'aiuto di chi ci è vicino,soprattutto nei primi anni di vita e da soli successivamente.

L'intelligenza (poca) si può nascondere con la cultura, ma chi ha una marcia in più si nota sempre....
buon fine anno